venerdì, Aprile 12, 2024

Venezia, sul ponte del Redentore la notte prima della gran festa

video newsVenezia, sul ponte del Redentore la notte prima della gran festa

In attesa dei turisti, una sera senza calca a piedi alla Giudecca

Venezia, 15 lug. (askanews) – Prima della folla e della grande festa, prima dei giochi pirotecnici e delle regate, insomma prima che il momento turistico esploda, per una notte Venezia si gode il ponte del Redentore con tranquillità, come se poter andare a piedi dalle Zattere all’isola della Giudecca fosse una cosa normale. La notte di sabato è quella “famosissima”, così la chiamano ancora i veneziani, ma il venerdì, senza clamore, è comunque un moneto suggestivo. La festa del Redentore ricorda la peste del 1575-77 ed è una delle tante fonti di attrazione per i turisti della città lagunare, attesi anche quest’anno a migliaia. Il ponte, sostenuto da grandi galleggianti, attraversa per 52 ore il canale della Giudecca, dalla Dogana fino proprio chiesa del Redentore, aperta anche a tarda ora. È una storia molto veneziana e quasi intima quello che si vive nella sera dell’apertura, prima che la festa vera inizi. Un momento provvisorio, così come provvisorio è il ponte, ma, a ben guardare, il fascino di Venezia, quello vero, sta proprio nella sua universale provvisorietà. Che dura da 1600 anni, ma che ancor oggi è capace di affascinare con la sua perdurante inafferrabilità. Vista dal centro del canale, con i piedi appoggiati a terra, la città sembra ancora più bella, ancora più carica di promesse e possibilità. In attesa dell’assalto dei turisti, ma anche questo è parte integrante del gioco.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles