domenica, Aprile 14, 2024

Putin “soffre” per attacco a Mosca ma non è ancora andato sul posto

AttualitàPutin "soffre" per attacco a Mosca ma non è ancora andato sul posto

Sabato i diplomatici occidentali hanno reso omaggio alle vittime

Milano, 30 mar. (askanews) – Mentre il mondo piange i morti del recente attentato Isis in una delle principali sale da concerto di Mosca, Vladimir Putin che non ha ancora assistito ad alcuna cerimonia di tributo alle vittime dell’attentato vicino a Mosca, al Crocus City Hall, né ha visitato le famiglie o i feriti, “soffre” per l’attacco che ha causato almeno 144 morti, ha assicurato il Cremlino.

“Il Capo dello Stato si sente personalmente e pienamente preoccupato da questo tipo di tragedia. Credimi, anche se non vedi le lacrime sul suo viso, ciò non significa che non stia soffrendo”, lo giustificato il portavoce presidenziale Dmitry Peskov in una breve intervista trasmessa sabato.

“È improbabile che qualcuno sappia e capisca quello che sta passando, compresi te e me”, ha aggiunto Peskov, parlando al giornalista.

Oggi, diplomatici occidentali, in particolare americani ed europei, nonché di paesi africani e sudamericani, si sono recati sul posto per deporre fiori e osservare un minuto di silenzio, ha riferito l’agenzia Ria-Novosti.

Il 22 marzo, uomini armati sono entrati nel Crocus City Hall, una grande sala da concerto vicino a Mosca, prima di sparare sulla folla e dare fuoco all’edificio.

Secondo l’ultimo rapporto dei soccorritori russi, almeno 144 persone sono state uccise e 695 ferite durante l’attacco rivendicato dal gruppo jihadista Isis, l’attacco più devastante degli ultimi vent’anni in Russia.

Dopo la tragedia, il presidente russo ha aspettato fino al giorno successivo per parlare pubblicamente e giovedì il Cremlino ha fatto sapere di non aver previsto immediatamente di incontrare le famiglie delle vittime, né di recarsi sul luogo dell’attentato.

Mercoledì Putin si è recato nella regione di Tver, a nord-ovest di Mosca, per visitare un museo storico e incontrare i dipendenti del settore culturale. Giovedì ha partecipato ad un incontro dedicato al turismo.

Il presidente russo ha ammesso solo lunedì che l’attacco è stato commesso da “islamisti radicali”, ma le autorità russe hanno accusato l’Ucraina e i suoi alleati occidentali, che lo negano fermamente, di averlo “facilitato”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles